I Progetti

Planimetria del Porto di Civitavecchia nel 2011

Introduzione

"In un periodo di crisi senza precedenti, di cui purtroppo ancora non si intravede la fine, il network dei porti di Roma e del Lazio, composto da Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta, con la creazione della Piattaforma Lazio si presenta come un punto di riferimento imprescindibile per l’economia della regione e dell’intera nazione, rappresentando la seconda area di consumo in Italia e la quinta in Europa. Avere un’attenzione costante per il mercato è la chiave di tutte le nostre strategie. Per questo abbiamo dato vita a una piattaforma regionale di porti, non in micro concorrenza tra loro perché gestiti in modo complementare da un unico soggetto: una vera e propria piastra intermodale al servizio del mercato alle nostre spalle. Al tempo stesso, ci siamo proposti come un hub strategico per la logistica e le merci, grazie a fondali rocciosi e profondi, e ai vasti spazi retroportuali disponibili. È con queste premesse che è stato possibile progettare e pianificare un percorso ben articolato per la realizzazione delle infrastrutture necessarie alla crescita del porto di Civitavecchia e del Network. Un sistema regionale di collegamento, unico e razionale, tra i territori retrostanti ed i traffici portuali, merci e passeggeri, realizzato con una riorganizzazione degli spazi e delle loro destinazioni d’uso nel porto, con la creazione di nuove banchine e piazzali, e con il potenziamento dei collegamenti stradali, autostradali e ferroviari. L’obiettivo è quello di soddisfare le esigenze turistiche, commerciali e produttive di un distretto che comprende, oltre che l’area urbana della capitale e dell’intero Lazio, le regioni vicine Umbria e Marche. È con questo spirito che intendiamo illustrare il work in progress del Network, mostrando l’avanzamento dei lavori: per scoprire com’era il porto, come lo stiamo trasformando e come sarà."

 

In particolare sono stati individuati alcune tipologie di interventi strutturali riassumibili in tre macro aree.


  . OPERE DI RECUPERO E RIQUALIFICAZIONE (Area Storica)
  . OPERE STRATEGICHE (Area Nord)
  . OPERE DI COMPENSAZIONE

Il 21 Giugno 2013 sono state ultimate con sei mesi di anticipo le prime banchine della nuova darsena traghetti. Ultimati anche alcuni lavori di compensazione e avviato il prolungamento dell'Antemurale Colombo.

Il 9 Ottobre del 2014 alla presenza del Ministro delle Infrastrutture e Trasporti, è stato inaugurata l'area riqualificata del Forte Michelangelo prospiciente il già terminato restyling dei moli 5, 6 e 7 del porto storico compresi nel Marina Yachting.

Tra i lavori di compensazione, oltre che alle operazioni completate di ripascimento della posidonia oceanica, si evidenzia il proseguimento degli scavi in alcuni siti archeologici sia all'interno del demanio portuale che nelle vicinanze coordinati dalla Sovraintendenza ai Beni Culturali.

Porto Storico

  • DEMOLIZIONE SILI E RIQUALIFICAZIONE MOLO DEL BICCHIERE
  • IL MUSEO DEL MARE E OCEANARIO
  • RIQUALIFICAZIONE MOLI STORICI 5/6/7
  • RIQUALIFICAZIONE AREA FORTE MICHELANGELO
  • WELCOME CENTER

Opere Strategiche

  • 4/a. DARSENE TRAGHETTI E SERVIZI
  • 4/b. PROLUNGAMENTO ANTEMURALE C. COLOMBO

Opere di servizio

  • CENTRO SERVIZI CROCIERE

Opere di compensazione

  • REIMPIANTO POSIDONIA OCEANICA
  • RIQUALIFICAZIONE DELLA FOCE DEI FOSSI IN AMBITO PORTUALE
  • RIQUALIFICAZIONE DELLA FRASCA
  • RECUPERO SITI ARCHEOLOGICI
Go on top

Il Porto Storico

A sud dell’intera struttura portuale sorge il porto storico di Civitavecchia, un bacino che racchiude le costruzioni più antiche: la darsena romana e quella traianea. Con la cessazione delle attività commerciali, l’intera area godrà di una destinazione d’uso esclusivamente turistico e ricettivo.
La prossima ricostruzione dell’antico Arsenale del Bernini, insieme alla riqualificazione del molo del Lazzaretto e a quello del Bicchiere, sono oggetto di un ampio progetto che, dopo la demolizione dei vecchi sili del grano, prevede la realizzazione di un area di ormeggio per yacht di lusso e di un Museo del Mare e Oceanario.

Il Molo del Bicchiere

La riqualificazione

Con l’abbattimento dei vecchi sili del grano, Civitavecchia mette fine a quella che è stata una vera e propria violenza paesaggistica durata oltre quarant’anni, da quando cioè l’enorme struttura fu riedificata accanto al Forte Michelangelo, dopo i bombardamenti della seconda guerra mondiale. Questi lavori segnano l’inizio di un percorso che riporterà Civitavecchia allo splendore che le compete, con l’ambizione di diventare il primo porto a livello nazionale e uno dei più importanti del Mediterraneo.

L’imponente mole dell’edificio ha fortemente caratterizzato il paesaggio e lo skyline della città portuale nel corso di quasi tutto il secolo scorso. Oggi, grazie alla continua crescita del traffico crocieristico e alle esigenze di moderne infrastrutture, i nuovi sili saranno edificati in un’area più idonea e maggiormente attrezzata.

Le opere di demolizione dei vecchi sili

Alle ore 16.31 del 21 Marzo 2012, sono iniziati i significativi lavori di demolizione dei vecchi sili delle granaglie. Opera portata a termine in 30 giorni con largo anticipo sulle previsioni.

  • Video demolizione sili (cliccare quì se il browser non visualizza il link sotto)
  • Il Roma Marina Yachting

    Il progetto

    Il porto storico incorniciato tra la darsena romana, Porta Livorno, le mura di Urbano VIII con il mascherone del Bernini e il Forte Michelangelo, è destinato a ospitare yacht di lusso e a divenire uno dei porti turistici più suggestivi al mondo.

    Con l’intenzione di attuare il Piano Regolatore Portuale vigente, l’Autorità Portuale ha intrapreso la realizzazione di importanti opere di riqualificazione del porto storico.

    La riqualificazione dei moli

    Dopo il posizionamento dei corpi morti e delle boe che consentiranno di ospitare fino a 23 mega yacht da 40 ad oltre 100 metri di lunghezza, sono state completate le banchine 6 e 7, utilizzando materiali pregiati e impiantistica di ultima generazione unica nel Mediterraneo. Grazie a una cabina elettrica dedicata di 3 MW, le banchine risultano essere completamente elettrificate.

    La riqualificazione dell'area del Forte Michelangelo

    Civitavecchia, 17 Ottobre 2013
    Con l'inizio dei lavori di riqualificazione si avvia il processo di ricucitura del tessuto urbano e portuale che porterà l'area del Forte Michelangelo a svolgere l'importante funzione di unire il Porto Storico con il waterfront della Marina di Civitavecchia.

    Il Welcome Center

    Il centro di accoglienza turistico della Regione Lazio

    Collocato all’ingresso di Civitavecchia, il Welcome Center è una vera e propria porta di accesso al territorio e alle sue risorse: uno snodo strategico che accoglierà il visitatore offrendogli la possibilità di accedere facilmente a tutte le informazioni utili.

    I visitatori, di qualsiasi lingua e nazione, avranno a disposizione strumenti e tecnologie di ultima generazione e potranno scoprire in modo interattivo le peculiarità del patrimonio culturale di Roma e dell’intera regione Lazio, accedendo a informazioni su percorsi d’arte, eventi culturali, esposizioni permanenti, festival, attività di tipo escursionistico e d’intrattenimento.

    Il centro

    Realizzato all’interno dell’antica rocca, il centro sarà in grado di offrire notizie sul territorio, approfondimenti e informazioni per i turisti.

    Go on top

    Area Servizi

    Sono terminati i lavori di allargamento dell’Antemurale Cristoforo Colombo, dove l’Autorità Portuale ha realizzato ampi piazzali, al fine di migliorare la viabilità e l’accoglienza per i mezzi di servizio al terminal crociere.

    Con un nuovo investimento di circa 35 milioni di euro, è previsto ora l’allargamento di 40 metri di un ulteriore tratto della diga foranea lungo 300 metri.

    La società concessionaria Rct realizzerà una serie di terminal al servizio delle 6 mega navi che, una volta ultimati gli investimenti, potranno stazionare contemporaneamente sull’antemurale.

    Centro Servizi Antemurale C.Colombo

    Il Centro

    La superficie ricavata dall’ampliamento dell’Antemurale Colombo e destinata all’accoglienza e allo smistamento del traffico crocieristico, ospiterà la realizzazione di un Centro Servizi.

    L’edificio è pensato per dare uno spazio adeguato ai fornitori di servizi ai passeggeri, in modo tale che questi ultimi possano avere a disposizione in un unico luogo bar-ristoro, servizi igienici, negozi di vario tipo e allo stesso tempo possano accedere agevolmente a informazioni turistiche o più generali, come i collegamenti con la capitale e l’hinterland.

    I Progetti

    Go on top

    I° Lotto Opere Strategiche

    Con un investimento di 194 milioni di euro, previsto in Legge Obiettivo e finanziato dal CIPE e dall’Autorità Portuale, il porto di Civitavecchia avrà 9 nuovi attracchi, di cui 6 per cruise - ferry ro-ro, 2 per navi da crociera ed uno dedicato al nuovo terminal granaglie.

    Oltre all’ulteriore prolungamento di 400 metri dell’antemurale, sarà realizzata anche una nuova darsena servizi per le imbarcazioni delle forze dell’ordine, i servizi tecnico-nautici, la flotta pescherecci, il bunkeraggio ed i cantieri navali. I primi attracchi saranno operativi dalla seconda metà del 2013.

    Darsena Traghetti e Servizi

    Inaugurazione primo pennello

    Civitavecchia 21 Giugno 2013
    Alla presenza dell’Onorevole Gianni Letta, del presidente della Comunità di Sant’Egidio, Marco Impagliazzo e di altre autorità intervenute in rappresentanza del territorio comunale e regionale, il Presidente dell’Autorità Portuale di Civitavecchia, Pasqualino Monti ha inaugurato durante la “Due giorni del Mediterraneo” e con sei Mesi di anticipo, i primi tre moli del I° Lotto delle Opere Strategiche della Darsena Traghetti e Servizi dedicata a Sant’Egidio.

    I lavori

    Sarà completata all’inizio del 2015 la nuova Darsena Traghetti e Servizi che consentirà al porto di Civitavecchia di raddoppiare la sua capacità operativa. Conclusa questa importante opera, il porto di Civitavecchia potrà ambire a possedere una leadership anche nel settore delle merci.

    Prolungamento Antemurale C.Colombo

    Il progetto

    Il prolungamento dell’Antemurale Cristoforo Colombo dalla progressiva 493,60 m. alla progressiva 862,60 m. si svilupperà con due diverse strutture: Il primo tratto, dalla progressiva 493,60 alla 604,60, ha una struttura a scogliera su fondali di -30 m., con nucleo di 1a categoria rivestito da scogli di 2a e 3a categoria. Il substrato è costituito da scogli di 3a categoria. Il lato mare è protetto da una mantellata di tetrapodi da mc 10 ciascuno, poggianti su una berma a quota -12 m. della larghezza di 8 m., costituita da tetrapodi da 4 mc ciascuno, completato con un muro paraonde a forma trapezoidale, largo alla base m.5,00 e in sommità m.4,00. Dal lato interno è previsto un banchinamento con una infrastruttura imbasata a quota -7,50 m, composta da massi in calcestruzzo delle dimensioni di 2 x 7 x 2,50 m e 2 x 7 x 2,75 m. Il secondo tratto, dalla progressiva 604,60 alla 862,60, ha struttura a parete verticale costituita da 13 cassoni cellulari in cemento armato delle dimensioni di metri 20,00 x 21,50 x 19,00 imbasati a quota -18,50 m. su scogli di 1a categoria.

    I Lavori

    Il prolungamento dell’Antemurale Cristoforo Colombo sarà un’opera di primaria importanza per la protezione delle nuove infrastrutture portuali.

    L’opera, compresa nel programma di attuazione del I° Lotto delle Opere Strategiche, avrà il compito di proteggere dalle mareggiate invernali la nuova Darsena Traghetti e Servizi.

    Go on top

    Opere di Compensazione

    Per mezzo delle opere di compensazione, si punta ad aumentare la capacità di resistenza dell’ambiente oggetto di pressione da parte dell’opera, del piano o del programma, e quindi a determinarne il miglioramento della compatibilità, anche dal punto di vista della performance ambientale.

    Un tempo marginali, le opere di compensazione sono oggi divenute centrali nella realizzazione delle opere pubbliche, vista l’importante interazione che svolgono con l’ambiente.

    Reimpianto Posidonia Oceanica

    Civitavecchia, 8 Giugno 2012

    Si è concluso l’importante progetto di espianto di talee di Posidonia oceanica dai fondali tra Punta Sant’Agostino e Punta Mattonara, nel porto di Civitavecchia, ed il reimpianto nei fondali tra Punta del Pecoraro e Capo Linaro, all’ingresso di Santa Marinella.

    Un progetto che ha necessitato di 80 giorni di attività e circa 40 operatori coinvolti al giorno, con 100 bombole movimentate quotidianamente. L’intervento ha interessato un’area di circa 10.000 mq, trasferendo 320.000 piantine di posidonia.

    Parco Archeologico della Mattonara

    Il Progetto

    Il progetto prevede l’individuazione di un parco naturalistico- archeologico mediante la creazione di un percorso di visita con sistemi informativi e servizi, al fine di promuovere lo sviluppo delle attività turistiche e ricettive del territorio.

    L'Area

    L’area archeologica oggetto dell’intervento di recupero e valorizzazione è sita all’interno del demanio portuale. Qui è stata riportata alla luce un’antichissima necropoli etrusca ed un interessante impianto ittico di epoca romana, esteso su circa 1.000 mq.

    La peschiera è composta da tre settori principali e comunica con il mare aperto attraverso dei canali di alimentazione scavati in profondità nel banco roccioso. A nord dell’area è collocata una fossa di forma circolare, nominata “Buca di Nerone”, che probabilmente era connessa all’impianto di allevamento ittico principale.

    Go on top

    Opere di Adeguamento e Servizio

    In alcuni ambiti portuali sono state individuate aree dove la realizzazione di servizi ha richiesto l’apertura di cantieri per la demolizione o la realizzazione di nuove opere infrastrutturali.

    Le nuove opportunità logistiche suggerite dall’ampliamento delle infrastrutture portuali rendono possibili quelle opere dette di adeguamento e servizio. Tali opere hanno l’intento di migliorare e valorizzare il potenziamento infrastrutturale creando nuovi accessi e nuovi spazi all’interno di aree che necessitano di cambi di destinazione d’uso.

    Viabilità.

    Nuove rampe di accesso portuale riservato al traffico commerciale.

    Riqualificazione molo 18

    Operazioni di demolizione delle gru portainer sul Molo 18 ultimate nel mese di Aprile 2012.

    Go on top

    Brochure

    Porto di Civitavecchia 2012/2013

    AREA TECNICA
    AUTORITÀ PORTUALE - CIVITAVECCHIA FIUMICINO GAETA
    Rendicontazione lavori eseguiti e in corso d’opera, progetti approvati e in fase di sviluppo.

    brochure (Italiano & English - pdf 6.08Mb)

    Riqualificazione del Porto Storico

    AREA TECNICA
    AUTORITÀ PORTUALE - CIVITAVECCHIA FIUMICINO GAETA
    Rendicontazione lavori eseguiti per la riqualificazione del Porto Storico e dell'Area della Fortezza del Forte Michelangelo.

    brochure (Italiano & English - pdf 8.55Mb)
    Go on top

    Connecting to youtube chennel...

    Go on top

    Comunicazioni

    Contattaci

    Inoltra chiamata Dove siamo
    Go on top